Lenti a contatto
multifocali

Le lenti a contatto multifocali sono uno strumento molto avanzato dal punto di vista tecnologico. Si tratta di lenti che vanno a risolvere uno dei più comuni difetti visivi, la presbiopia, consentendo a chi le indossa di avere una visione costante da vicino e da lontano.

Questo tipo di lenti a contatto è adatto a tutti? Come funzionano e quanto tempo si impiega ad abituarsi al loro utilizzo? Ecco cosa è importante sapere prima di procedere al loro acquisto.

©2019 Alcon.​ IT-VC-1900044

Che siano lenti a contatto o lenti oftalmiche, le lenti progressive correggono la presbiopia, un difetto visivo che si manifesta dopo i 42 anni. 

La presbiopia comporta una progressiva mancanza di accomodazione del cristallino che, con l'andare del tempo, fa sempre più fatica a mettere a fuoco sia oggetti vicini che oggetti lontani. Prima della realizzazione delle lenti progressive (dette anche lenti multifocali), i presbiti erano costretti a cambiare continuamente occhiali a seconda delle attività che si apprestavano a svolgere (leggere, guidare, guardare la televisione), mentre oggi basta indossare un unico paio di occhiali o di lenti a contatto progressive in grado di correggere il difetto visivo dell'occhio presbite.

Nelle lenti a contatto progressive questa suddivisione non esiste, dal momento che le lenti si muovono insieme all'occhio: ne consegue che nella zona centrale di queste lenti a contatto si trovano una serie di “gradazioni” che il cervello, in maniera autonoma, “sceglie” a seconda della distanza che si vuole mettere a fuoco.